+34 653397879 / +39 3409567713 info@andmoretrainer.com
Seleziona una pagina

Siamo ormai a un passo dal cambio di cultura nell’ambito formativo. Come sempre avviene, da soli si viaggia (probabilmente) più veloci, tuttavia assieme si va molto molto più lontano.

Il cambio di cultura nel mondo formativo, riteniamo che sia la base per potersi evolvere ad uno stadio di consapevolezza di noi stessi superiore. Da un certo punto di vista, tutto il lavoro che stiamo facendo, è da una parte una evoluzione, lavorando con procedure scientifiche e analitiche, dall’altra parte invece è una involuzione… Sì, involuzione… Sembra una cosa strana però quello a cui stiamo puntando è una involuzione, o più propriamente una consapevolezza maggiore di ciò che ognuno di noi possiede nel suo interno.

L’attenzione a ciò che ognuno di noi ha al suo interno, il contatto con le proprie energie animali che determiano tutte le dinamiche di gruppo che ogni azienda, in tutte le parti del mondo, possiede.

Il grande lavoro che abbiamo iniziato nel 2008 è parte di una sperimentazione prima e di una operatività dopo, la quale è stata abbracciata prima e evoluta con la grande azienda di Giacomo Catalani. Un imprenditore di grande successo che ha deciso, dopo aver sperimentato e provato in prima persona il metodo, di credere in un gruppo di individui misti (umani, cani, volatili, felini) che avevano qualcosa di nuovo da dire nel campo della formazione, anche se nessuno, o pochi, fino a quel momento, ne avevano mai sentito parlare. Molto spesso si sente “sparlare” da molti imprenditori di quanto sia importante la novità, pensare fuori dagli schemi e vedere là dove nessun altro aveva visto prima. Molti imprenditori dicono questo, ma… Chi veramente poi si comporta così? Pochissimi.

Pensare fuori dagli schemi, distruggere lo Status Quo, prevede la volontà di inoltrarsi nel territorio inesplorato, lasciare il conosciuto per lo sconosciuto, lasciare la “certezza” per qualcosa di cui, prima, non esisteva. Una volta mi trovai a parlare con un imprenditore che mi disse: “a me quello che interessa è il fatturato, per cui investire in qualcosa di nuovo potrebbe essere interessante, tuttavia prevede anni di lavoro e una grande incertezza di risultato… Per cui… Preferisco rimanere con quello che faccio che già conosco e già so che porta fatturato”.

Difficile dunque poter immaginare che un imprenditore di questo tipo, sia lo stesso che “sparla” circa il pensiero “out of the box”.

Oggi siamo qui, con molta strada percorsa nel nostro passato e molta ancora da percorrere, molti i progetti che ancora ci saranno e molte le evoluzioni, di sicuro, in questo momento, gioiamo di ciò che è stato fatto e ringraziamo Grazie Giacomo Catalani e a tutto il suo team per averci dato una grande opportunità e aver creduto in questo “branco” molto particolare. Siamo sicuri che questo sarà solo l’inizio di qualcosa di straordinario!


chi ha voluto credere in noi e mettere in campo quel cambiamento che, siamo sicuri, produrrà moltissimo.

http://neuropeople.com/branco/