la Regina, Nur el Huda

 

“tutti possono avere un falco ma pochi diventar falconieri” (A.U.Filastori)

questa credo sia la citazione più famosa legata alla falconeria, risalente ad inizio secolo, rende molto chiaro l’aspetto della sensibilità e del legame profondo che si instaura tra falco e falconiere.

    

 

 

 

Ho conosciuto Anouk, questo è uno dei suoi nomi, qualche anno fa, andando a far visita ad un amico falconiere, mi ha conquistata subito per la sua regalità anche se inizialmente era incredibilmente nervosa al blocco (si chiama blocco un posatoio specifico utilizzato per i rapaci). Chiedendo informazioni che la riguardavano, ho saputo che era in stallo presso di lui per un periodo in quanto troppo “peace and love” per un falconiere cacciatore… il pomeriggio proseguì, e dopo una bella chiacchierata, tornai a casa, fin qui tutto bene, non fosse per il tarlo della vocina che continuava a dirmi “ma hai visto quanta regalità emana? e sta cercando casa…” …

Neanche a dirlo, la settimana seguente ero nuovamente presso il mio amico falconiere, questa volta con una missione specifica: chiedere ad Anouk se voleva far parte della nostra tribù! Così feci, lei acconsentì e quella sera tornai a casa con uno splendido esemplare di ibrido tra Girfalco e Lanario comodamente sistemato sul sedile della mia auto, accanto a me. Quanta emozione!

 

Qualche tempo dopo, un amica conosciuta ad un evento a cui avevo partecipato con la tribù alata, mi scrisse dal Canada, il messaggio era inequivocabile: il mio Maestro vuole conoscerti, domani sarà in una località della Valle D’Aosta, riesci ad andarci? Ci sono momenti in cui senti di dover fare una cosa anche se a tutti appare avventata, bene, questo era uno di quei momenti. Il giorno seguente eccomi partire di buon ora alla volta della Valle, percorrere oltre 100 km ed arrivare finalmente in un atmosfera fiabesca dove tra colori, suoni e canti sono stata accolta amorevolmente e portata a conoscere il Maestro.

Una piccola premessa, tutti i rapaci che condividono la vita con me hanno anche nomi Sufi. Il sufismo è anche definito “la mistica islamica”, mi ha sempre affascinato una delle citazioni di un Maestro (in questa Via, lo Sheikl) che così rispose alla domanda “cos’è il sufismo?”:  “Sufismo consiste nel non possedere alcunché e che niente e nessuno possegga te.” (Samnun). Questo a mio modo di vedere ha una profonda radice comune con i rapaci, essi infatti, non tollerano di essere “posseduti”, puoi collaborare con un rapace, puoi vivere con lui e ringraziarlo, ma non possederlo. Oltre a questo aspetto ritengo sia importante far passare anche attraverso un nome arabo, il messaggio che la falconeria non sia nata in Italia con Federico II di Svevia ma ad altre latitudini abbia origini che si perdono nella notte dei tempi, come nel caso dei paesi islamici.

Il Maestro ci ha accolte (me e Anouk) dicendomi ” so che aspettate un nome”, (Anouk era l’unica di miei rapaci a non avere ancora ricevuto un nome in questa Via), bene, questo nome è “Nur el Huda” (Luce che guida), un nome stupendo che rende onore alla sua regalità. In quell’occasione ho avuto modo di conoscere molte persone e interagire con questo mondo a me quasi sconosciuto fino a quel momento, ho incontrato persone straordinarie come Nadia e Mike che mi onoro di definire il mio “fratellone” e la mia “sorellina”.

02 Dec 2013, Aosta, Italy — Back stage “Gorchlach: The Legend of Cornelia,” the new drama produced by Aegyptiacus Entertainment. — Image by © Eloise Nania/Splash News/Corbis

 

Ho scelto di vedere anche attraverso gli occhi di questa millenaria tradizione i miei rapaci per conoscerli sotto più aspetti possibili, questo è anche uno dei motivi per cui hanno molti nomi, hanno ricevuto benedizioni in molte Vie spirituali. Sono una persona molto fortunata, circondata da Amore che nel momento in cui Andrea è entrato a far parte della mia vita si è moltiplicato, circondata da esseri speciali e meravigliosi che a volte hanno penne e piume, possenti ali, altre peli quattro zampe e coda, altri sono bipedi, altri ancora carapace ma tutti hanno in comune l’essere Amore.

Posted on 5 ottobre 2017 in Rapaci, Senza categoria

Share the Story

About the Author

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to Top